Sondaggi politici elettorali oggi 23 dicembre 2022: boom di Fdi, tonfo del Pd. Gli italiani apprezzano la manovra

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI OGGI 23 DICEMBRE 2022

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Fratelli d’Italia vola nei consensi, crolla il Partito Democratico: è quanto emerge dagli ultimi sondaggi politici elettorali elaborati da Emg per il programma Cartabianca.

Secondo la rilevazione, il partito di Giorgia Meloni cresce di oltre tre punti percentuali (3,3% per la precisione) rispetto alle elezioni politiche del 25 settembre scorso. Ora, Fdi è accreditato al 29,3 per cento.

Dopo Fratelli d’Italia, il partito che cresce più di tutti è il M5S: il Movimento guidato da Giuseppe Conte guadagna l’1,9 per cento e si porta al 17,3%.

Crollo del Partito Democratico che rispetto alle politiche perde il 2,3% scendendo al 16,8 per cento. La Lega guadagna lo 0,1 per cento, portandosi così all’8,9%, mentre il Terzo Polo cresce dello 0,3% ed è ora al 7,5 per cento.

Male Forza Italia che perde l’1,4%, scendendo al 6,7 per cento, mentre calano dello 0,4 per cento sia Sinistra Italiana/Verdi che + Europa, rispettivamente al 3,2% e 2,4 per cento. Guadagnano lo 0,4 per cento, invece, sia Italexit che Unione Popolare, ora rispettivamente al 2,3 per cento e all’1,8%.

Per quanto riguarda la legge di Bilancio, invece, il giudizio degli italiani è complessivamente positivo. Alla domanda su “come valuta in generale la manovra economica approvata dal governo”, infatti, il 44 per cento degli intervistati ha risposto “positivamente”, il 38% “negativamente” mentre il 18 per cento ha preferito non rispondere al quesito.

COME SI FANNO I SONDAGGI

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne. Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Fonte: TPI

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: