La rivolta dei collaboratori licenziati dal M5s per le consulenze da 70 mila euro a Crimi e Taverna: «Per noi i soldi non c’erano»

Annunci

Venti dipendenti lasciati a spasso per la riduzione dei fondi 

La consulenza da 70 mila euro annui per Vito Crimi e Paola Taverna fa arrabbiare il Movimento 5 Stelle. Ieri la Repubblica ha raccontato del contratto da circa 70 mila euro annui come collaboratori parlamentari. I due lavoreranno rispettivamente per i gruppi pentastellati di Camera e Senato. Che nel frattempo, spiega oggi il quotidiano, hanno dovuto però licenziare molti collaboratori: venti dipendenti, tra cui alcuni “storici”, sono stati lasciati a spasso. Nonostante lavorassero per il M5s dal 2013. Con la motivazione più ovvia: gli eletti sono calati, il budget è ridotto, non c’è spazio per tutti. Ma il fatto che i tagli siano stati ampliati per dare i 140 mila euro a Taverna e Crimi non è piaciuto a molti: «Non mi hanno confermato, nonostante io abbia sempre raggiunto tutti gli obbiettivi, dopo aver partecipato a tutte le campagne elettorali degli ultimi anni», racconta uno degli esclusi, chiedendo l’anonimato. Il motivo? «Ci hanno detto che non c’erano abbastanza fondi». E invece per qualcuno sono stati trovati. Uno non vale uno.

Fonte: OPEN

Rispondi Annulla risposta

Previous post «Putin mentì alla Cina sulla guerra in Ucraina», la rivelazione da Pechino
Next post Consiglio Ue, alta tensione col ministro di Orbàn sui rapporti con Mosca: veto agli aiuti per Kiev. Ok alle sanzioni contro l’Iran