Cuneo fiscale, il taglio allo studio del governo: la proposta di Urso

L’annuncio del ministro delle Imprese e del made in Italy Adolfo Urso per aumentare i salari

È stato Adolfo Urso, ministro delle Imprese e del made in Italy, a rassicurare il presidente di Confindustria: «Il taglio al cuneo fiscale ci sarà, ma non si può fare tutto e subito». Uno degli obiettivi del governo Meloni è quello di alzare progressivamente i salari. Ad annunciare la misura allo studio dell’esecutivo ci pensa il ministro Urso, spiegando che il taglio del cuneo fiscale andrà per due terzi al lavoratore e per un terzo all’azienda. Il ministro ha risposto alle preoccupazioni del presidente di Confindustria Carlo Bonomi sull’aumento dell’inflazione e dei prezzi di luce e gas, un emergenza che stanno affrontando tutte le aziende. «Le urgenze che abbiamo sono dedicare tutte le risorse sul caro bollette, avere un grande occhio alla finanza pubblica, e fare degli interventi importanti sul tema del lavoro, il primo dei quali è il taglio al cuneo fiscale», le richieste degli industriali. Secondo Bonomi, il governo deve trovare le risorse tra le pieghe della spesa pubblica: «Tagliare le tasse si può, riconfigurando il 4-5% degli oltre mille miliardi di spesa pubblica e recuperando circa 50-60 miliardi per intervenire». Urso assicura che il governo è già al lavoro «per fare ciò che è possibile e tracciare la rotta: dobbiamo alzare i salari e lo faremo gradualmente, soltanto innalzando i salari sarà possibile incentivare il lavoro».

Foto di copertina: ANSA/ANGELO CARCONI

Fonte: OPEN

Rispondi

Previous post Forza Italia, il partito azienda: i suoi super finanziatori? Berlusconi, Fininvest, e i 5 eredi di Silvio…
Next post Carlo Calenda: «Sui migranti difendo l’Italia, non Meloni. E Macron ha esagerato»
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: