Anche Giuliano Pisapia dice no alla candidatura in Regione Lombardia: «Moratti? Sarebbe un suicidio politico»

L’avvocato ed ex sindaco di Milano: tra la copia e l’originale si sceglie sempre l’originale

Dopo Cottarelli, anche Giuliano Pisapia si sfila. Come l’economista, l’avvocato ed ex sindaco di Milano non si candiderà alla presidenza della Regione Lombardia. E oggi in un’intervista al Corriere della Sera spiega perché: « Ci ho pensato seriamente ma credo che la soluzione migliore per il centrosinistra e per il civismo sia quella di cambiare schema. Di puntare sulle tante energie che ci sono sul territorio a partire dai sindaci, dagli assessori, dai consiglieri comunali, dall’associazionismo che hanno fatto, e stanno facendo, molto bene in tanti comuni lombardi». Per Pisapia «non bisogna avere paura delle primarie, le vittorie più belle le abbiamo ottenute dopo le primarie. La condizione fondamentale è che ci deve essere un programma condiviso e che tutti, ma veramente tutti, si impegnino per vincere le elezioni».

All’avvocato non piace la candidatura di Letizia Moratti: «Parla di Moratti candidata dalla destra al Quirinale al posto di Mattarella? O di quella che, come si è letto sui giornali, fino a pochi giorni fa trattava un posto da ministra nel governo Meloni e lamentava pubblicamente la mancata conferma della promessa, vera o non vera, di essere la candidata del centrodestra alle prossime Regionali? Forse doveva pensarci prima a dire che il centrodestra non andava bene. Leggo paragoni con Casini, voglio ricordare che Casini è uscito dal centrodestra nel 2008 ed è stato candidato come indipendente nel 2018. Sono passati 10 anni, non 10 minuti come la Moratti».

Quella del Terzo Polo, secondo l’ex sindaco di Milano, è un’operazione «legittima ma spregiudicata. Mentre quello del Pd che apre alla candidatura della “dottoressa” «è un cinismo che non condivido. Credo che la coerenza, la capacità di ascolto, il mettersi a disposizione della propria comunità siano dei valori fondamentali. Ma le rigiro la domanda: se il centrosinistra appoggiasse Moratti con una operazione trasformista e poi perdesse, il risultato sarebbe di imbarcarsi nella più grande operazione suicida della sua storia. Perché si sa che tra la copia e l’originale si sceglie sempre l’originale. E che vittoria sarebbe? La vittoria di un programma su scuola, trasporti e sanità opposto a tutte le convinzioni della nostra comunità».

Fonte: OPEN

Rispondi

Previous post Caso ong, Meloni critica le autorità sanitarie: «Far sbarcare tutti i migranti per rischi psicologici? Scelta bizzarra»
Next post Il sindacato dei medici risponde a Meloni sulla «scelta bizzarra» di far sbarcare i migranti: «La nostra autonomia professionale non va intaccata»
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: