Sondaggi politici elettorali oggi 5 novembre 2022: il M5s raggiunge il Pd e Calenda supera Salvini

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI OGGI 5 NOVEMBRE 2022

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI –  Il Movimento Cinque Stelle ha raggiunto il Partito democratico: sono entrambi al 16,3%. La conferma arriva dall’ultimo sondaggio Swg, realizzato per conto del Tg La7, che vede sempre Fratelli d’Italia l’inarrestabile primo partito. Anche Swg quindi registra un importante cambiamento degli equilibri all’interno dell’opposizione alla nuova maggioranza di centrodestra, dopo Euromedia che aveva restituito una settimana fa un quadro ancora peggiore per il Pd. In base a quella rilevazione di Alessandra Ghisleri per Porta a Porta, infatti il Movimento scavalcava il Pd al 17,0% nella gerarchia dei partiti posizionandosi al secondo posto con il 17,3%. Un sorpasso, o una parità, come emerge da Swg, che non si vedeva dal 2019. La cifra del 16,3% è il risultato del calo del 0,7% del primo e di quello del 0,1% del secondo.

La Lega, che per Swg perde sette decimali e finisce al 7,9%, viene superata da Azione/Italia Viva, che recupera uno 0,2% e arriva all’8,6%. Carlo Calenda ormai sembrerebbe poter ambire a guidare il fronte dei moderati, anche se non mancano le voci di dissidi con l’alleato Matteo Renzi. Segue Forza Italia, che recupera uno 0,3% dai minimi della scorsa settimana, ma che con il 6,5% è ancora indietro rispetto al risultato del 25 settembre. Nel centrosinistra è stabile, al 4,1%, Sinistra Italiana/Verdi, mentre +Europa perde un decimale calando al 3%. Sotto lo sbarramento, invece, Italexit, al 2,5%, e Unione Popolare, in aumento di due decimali all’1,4%. Salgono del 0,2% anche le liste minori, che sono al 4,3%.

COME SI FANNO I SONDAGGI

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne. Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Fonte: TPI

Rispondi

Previous post Soumahoro: «Salirò sulla nave delle Ong se il governo Meloni non fa sbarcare i naufraghi»
Next post Crosetto in Difesa di Crosetto: l’incredibile comunicato stampa del Ministero
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: