Meloni è presidente del Consiglio, Salvini e Tajani vicepremier: ecco la lista dei ministri

Alle ore 10 di domani, 22 ottobre, ci sarĂ  il giuramento del nuovo esecutivo

Dopo l’ultimo giro di consultazioni di questa mattina, 21 ottobre, in cui il centrodestra ha «indicato all’unanimità» il nome di Giorgia Meloni come presidente del Consiglio, il Quirinale ha convocato la leader di Fratelli d’Italiaalle 16.30. Partita da via della missione 8, Palazzo Montecitorio, è arrivata al Colle con qualche minuto di anticipo. La presidente del Consiglio in pectore è scesa dall’auto direttamente nel Cortile d’onore del Palazzo del Quirinale. Nello Studio del Presidente alla Vetrata, c’è stato il colloquio con il capo dello Stato, Sergio Mattarella, al termine del quale il Segretario generale della presidenza della Repubblica, Ugo Zampetti, ha comunicato che la leader di Fratelli d’Italia ha accettato l’incarico di formare il governo. A seguire, la neo presidente del Consiglio incaricata ha elencato la lista dei ministri che saranno nominati da Mattarella:

Senza portafoglio

  • Luca Ciriani – ministro per i Rapporti con il parlamento
  • Gilberto Pichetto Fratin – ministro della Pubblica amministrazione
  • Roberto Calderoli – ministro degli Affari regionali e delle autonomie
  • Sebastiano Musumeci – ministro delle Politiche del mare e per il Sud
  • Raffaele Fitto – ministro degli Affari europei, politiche di coesione e Pnrr
  • Andrea Abodi – ministro dello Sport e dei giovani
  • Eugenia Maria Roccella – ministro della famiglia, della natalitĂ  e per le pari opportunitĂ 
  • Alessandra Locatelli – ministro delle disabilitĂ 
  • Maria Elisabetta Alberti Casellati – ministro per le Riforme istituzionali

Con portafoglio

  • Antonio Tajani – ministro degli Esteri (e vicepremier)
  • Matteo Piantedosi – ministro degli Interni
  • Carlo Nordio – ministro della Giustizia
  • Guido Crosetto – ministro della Difesa
  • Giancarlo Giorgetti – ministro dell’Economia
  • Adolfo Urso – ministro delle Imprese e del Made in Italy (ex ministero dello Sviluppo economico)
  • Francesco Lollobrigida – ministro dell’Agricoltura e della sovranitĂ  alimentare (ex ministero delle Politiche agricole)
  • Paolo Zangrillo – ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica (ex ministero per la Transizione ecologica)
  • Matteo Salvini – ministro delle Infrastrutture e delle mobilitĂ  sostenibili
  • Marina Elvira Calderone – ministro del Lavoro
  • Giuseppe Valditara – ministro dell’Istruzione e del merito (ex ministero dell’Istruzione)
  • Anna Maria Bernini – ministro dell’UniversitĂ  e della ricerca
  • Orazio Schillaci – ministro della Salute
  • Daniela Garnero Santanchè – ministro del Turismo

Sottosegretario alla presidenza del Consiglio con funzioni di segretario del Consiglio dei ministri

  • Aldredo Mantovano

Il lungo colloquio e l’annuncio di Zampetti

L’incontro tra Mattarella e l’esponente di Fratelli d’Italia è stato decisamente più lungo di quello che ha coinvolto il centrodestra questa mattina – 21 ottobre -, quando la coalizione ha «indicato all’unanimità» il nome di Meloni come presidente del Consiglio da designare. La durata del colloquio ha fatto subito intendere che Meloni, già dalla seconda salita al Colle, ha voluto discutere con il presidente della Repubblica la lista dei ministri. Zampetti, alle ore 17.47 – dopo un’ora e un quarto circa dall’ingresso di Meloni nel Palazzo del Quirinale -, ha comunicato che l’incarico di formare il governo è stato accettato senza riserva. Il governo giurerà domani, sabato 22 ottobre, alle ore 10.

Fonte: OPEN

Rispondi

Previous post «Grazie Mario»: il tributo cinematografico del Consiglio europeo a Draghi – Il video
Next post Dalla “Sovranità alimentare” al “Made in Italy”: come cambiano i nomi dei ministeri del governo Meloni
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: