Il congedo di Draghi con i giornalisti: «Venti mesi straordinari. Abbiamo tutti buona coscienza del lavoro fatto»

Intanto, a Palazzo Chigi, è convocato quello che dovrebbe essere l’ultimo Consiglio dei ministri di questo governo

«Cosa ho imparato in 20 mesi? Troppe cose. È stata un’esperienza straordinaria di cui sono straordinariamente contento. Finisce in modo molto soddisfacente. Tutti noi abbiamo la buona coscienza del lavoro fatto». Mario Draghi si congeda con i giornalisti che l’hanno seguito dal 2021 a oggi, alla guida del terzo governo della XIX legislatura. Il presidente del Consiglio dimissionario rivolge un «ringraziamento sentito» alla stampa, che ha svolto un servizio «straordinario» per la democrazia italiana e i cittadini, «aiutandoli a seguire e comprendere ciò che avviene». Draghi ringrazia anche lo staff della comunicazione di Palazzo Chigi, sottolineando l’importanza della campagna di comunicazione per il Pnrr. «Voi, stampa libera, avete avuto da me il rispetto che si deve a una stampa libera, rispondendo alle domande al meglio possibile, con la massima sincerità e chiarezza. Questo andrebbe sempre fatto, ma è anche un segno di rispetto». In chiusura, il capo dell’esecutivo uscente parla anche di «collaborazione piacevole dal punto di vista umano. Nessuno si aspettava che avremmo fatto tante conferenze stampa che duravano ore indefinite. Poi venivo persino rimproverato perché non riuscivo a dire basta alle domande». Intanto alle 16.30 di oggi, 19 ottobre, è convocato quello che dovrebbe essere l’ultimo Consiglio dei ministri presieduto da Draghi: sul tavolo, si apprende, ci sono alcuni provvedimenti in scadenza.

Fonte: OPEN

Rispondi

Previous post «Silvio, fermati»: i giornali di destra prendono di petto Berlusconi dopo il martedì nero del Cavaliere
Next post Scambio di regali tra Putin e Berlusconi, irrompe la Ue: “Importazione vodka vietata dalle sanzioni alla Russia”
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: