Cdm, le ultime nomine del governo Draghi: i ministri Guerini e Di Maio promuovono sei persone last minute

Farnesina, quattro quelle proposte – e approvate – dall’esponente del Pd

Ogni legislatura porta con sé le proprie infornate di nomine. Le sei firmate ieri sera, 28 settembre, nel consiglio dei ministri, potrebbe essere l’ultimo pacchetto di “promozioni” del governo Draghi, guardate in tralice da più parti visto che arrivano dopo il chiaro risultato delle elezioni del 25 settembre. A promuoverle, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il titolare della Difesa Lorenzo Guerini. Il capo della Farnesina ha chiesto e ottenuto «il collocamento fuori ruolo del ministro plenipotenziario Gabriella Gemma Antonietta Biondipresso il Segretariato generale della Presidenza della Repubblica, Ufficio per gli affari diplomatici e il conferimento al ministro plenipotenziario Bruno Antonio Pasquino delle funzioni di Capo del cerimoniale diplomatico della Repubblica». Due nomine pesanti, nelle più alte sfere della pubblica amministrazione italiana. Tra l’altro Pasquino – ricorda Verità e Affari -, era stato collocato fuori ruolo proprio da Di Maio, nel dicembre 2021, per consentirgli di andare a fare il dirigente di Saipem con la carica di Corporate Head of International Public Affairs. Pasquino subentrerà a Inigo Lambertini che, a breve, si insedierà come ambasciatore italiano a Londra.

Quattro, invece, sono state le investiture richieste da Guerini. Come riporta Palazzo Chigi, i cambiamenti nell’ambito della Difesa riguardano «la promozione al grado di ammiraglio di squadra dell’ammiraglio di divisione del ruolo normale del Corpo di stato maggiore della Marina militare in servizio permanente Giacinto Ottaviani; la promozione al grado di generale di squadra aerea del generale di divisione aerea del ruolo naviganti normale dell’Arma aeronautica Francesco Vestito; la promozione al grado di ammiraglio ispettore capo dell’ammiraglio ispettore del ruolo normale del Corpo di commissariato militare marittimo Dario D’Aquino e la sua conferma nell’incarico di Direttore dell’Ufficio centrale del bilancio e degli affari finanziari della difesa; la promozione al grado di ammiraglio ispettore capo dell’ammiraglio ispettore del ruolo normale del Corpo sanitario militare marittimo in servizio permanente Riccardo Guarducci».

Fonte: OPEN

Rispondi

Previous post “Siete ridicoli”: Francesco Facchinetti si scaglia contro Damiano dei Maneskin e Francesca Michielin
Next post Stefano Bonaccini: «Il Pd? Serve un leader ma anche un partito. O si cambia o si muore»
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: