Landini, che fai, fiancheggi?

C’è già Di Maio a elogiare Di Maio: di un sindacato fiancheggiatore non c’è mai stato bisogno, meno che mai di questo governo

La battaglia congressuale della Cgil è in corso con il rituale passo felpato: e per il peso che ha questa grande organizzazione, bisognerà prima o poi accendere qualche riflettore. Maurizio Landini è in corsa per prendere il posto di Susanna Camusso. È stato nei mesi scorsi più appartato proprio in ossequio alla riservatezza che connota il dibattito interno al sindacato di corso d’Italia. Ma in queste ore è riapparso.

Vorremmo fin d’ora chiedergli se davvero la “sua” Cgil sarebbe pronta ad alimentare il populismo del M5s difendendone, anzi esaltandone, il capo. “Di Maio ci ha aiutato. Calenda? Ha fatto il sindacalista…”, ha detto infatti Landini sull’Ilva.

Mentre sarebbe bastato un minimo di onestà intellettuale per riconoscere il gran lavoro dell’ex ministro e una condotta piuttosto pasticciona di quello attuale. C’è già Di Maio a elogiare Di Maio: di un sindacato fiancheggiatore non c’è mai stato bisogno, meno che mai di questo governo.

(P.S. Caro Landini, non vogliamo credere che sei scappato in tv davanti a Calenda. Sarebbe indecoroso. Ci puoi chiarire che è successo?)

Fonte: Democratica – 

del – 14 settembre 2018

Annunci

About ConfrontoDemocratico

View all posts by ConfrontoDemocratico →

2 thoughts on “Landini, che fai, fiancheggi?

  1. Mi sembra giusto iniziare a discutere di questo tema in quanto l’interrogativo che emerge è il seguente: quale partito in Italia raccoglie il maggior consenso in quella che era una volta la classe operaia che,a quanto se ne possa dire, oggi rappresenta ancora una grossa fetta della forza lavoro italiana.Mi permetto di aggiungere a questa anche tutti quei lavoratori considerati di “concetto” che, in realtà percepiscono salari inferiori a quelli di molti operai.Questo “partito” è il M5s, agli eredi della sinistra rimane ben poco. Pertanto Landini la vede lunga nel fiancheggiare Gigino e non quel PD che da mo’ di è dimenticato che gli operai esistono

  2. Se la CGIL si fosse ricordata degli operai non avrebbe perso più di 250000 tesserati, hanno pensato di fare la guerra a Renzi e ci hanno regalato un governo di fascistoidi……grazie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.