Minniti: “Il vertice Ue un fallimento, orologio indietro di un anno”

Focus

 

L’Europa ha rischiato di implodere su una questione, l’immigrazione, che non è affatto un’emergenza. Si è fatto un lavoro che riporta l’orologio indietro di un anno”.

Non le manda a dire l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti che, in un’intervista a Repubblica giudica il vertice Ue di giovedì e venerdì scorsi “un fallimento”, perché “l’Italia era andata per suonare il piffero ed è tornata suonata, con un accordo minimale e fragilissimo. Doveva chiedere maggiore condivisione ed è tornata abdicando totalmente a questa richiesta, scambiando l’obbligatorietà con la volontarietà”.

“In un momento di particolare difficoltà avevamo chiesto il ricollocamento obbligatorio di quote di persone negli altri Stati membri – spiega Minniti -, e ci sono stati Paesi che si sono sistematicamente sottratti. Oggi, con il passaggio dall’obbligatorietà alla volontarietà, questi stessi Paesi gioiscono”.

Ricorda l’ex ministro che “a giugno scoro in 36 ore arrivarono 26 imbarcazioni e collocarle nei nostri porti fu un problma gigantesco. Allora una discussione europa avrebbe avuto senso, ma ora non c’era alcun motivo, se non quello della dell’estremizzazione politica”.

E sulle ong: “Io avevo chiesto alle organizzazioni umanitaria un’assunzione di responsabilità, senza nessun atto unilaterale

Quanto alla riforma del Regolamento di Dublino, quello che stabilisce che a occuparsi delle richieste di asilo sia il Paese di primo approdo, invocata a gran voce dal premier Conte, dopo il vertice dell’altro giorno per Minniti “è su un binario morto. Avremmo dovuto portare avanti il progetto di riforma approvato dal Parlamento europeo a larga maggioranza che metteva in discussione il punto fondamentale del punto di primo approdo. Perché non si è fatto? Perché in quella votazione la Lega si è astenuta e M5S ha votato contro”.

Fonte:  

Annunci

About ConfrontoDemocratico

View all posts by ConfrontoDemocratico →

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.