Elezioni M5S crollo. Nuove elezioni? M5S sotto il 20%. Numeri choc M5S voto

Chiedere il voto per rimandare il voto. Sembra un paradosso ma è esattamente quello che sta facendo Luigi Di Maio in queste ore e in questi giorni. Tra i parlamentari di Centrodestra e del Pd è opinione diffusa che i vertici dei 5 Stelle abbiano deciso di ripetere come un mantra “elezioni subito” per ottenere l’esatto l’opposto.

I pentastellati sanno perfettamente che il Capo dello Stato non ha alcuna intenzione di sciogliere le Camere e rimandare gli italiani alle urne in tempi brevi con questa legge elettorale e quindi chiedono il voto anticipato proprio per ottenere l’esatto contrario, ovvero l’allungamento della legislatura. Mattarella, infatti, di fronte alle richieste veementi di ritorno alle urne senza aver prima provato a dar vita ad un esecutivo e senza aver riformato la legge elettorale in vigore non può far altro che rispondere con un esecutivo tecnico o del Presidente. E l’ipotesi più probabile – come ha scritto Affaritaliani.it – è quella di un incarico ad Alessandro Pajno. §

Ma perché Di Maio non vuole elezioni (pur invocandole)? Prima di tutto perché allo stato attuale e senza un cambiamento di regole varrebbe la norma dei due mandati e quindi lo stesso capo politico dei grillini insieme a moltissimi parlamentari di primo piano, compreso il presidente della Camera Roberto Fico, sarebbe fuori dalle liste. Serve quindi tempo per far digerire alla base un cambiamento delle regole che consenta di ripresentarsi alle Politiche.

In secondo luogo, dopo le Regionali in Molise e in Friuli Venezia Giulia, il terrore è dipento sui volti dei pentastellati che, in caso di ritorno al voto e dopo la bizzarra politica dei due forni tra Lega e Pd, temono un forte ridimensionamento elettorale. La paura è quella addirittura di scendere sotto il 20%con un tracollo intorno al 10% al Nord e con una perdita consistente anche al Centro-Sud. Di fatto, il M5S con il voto a giugno-luglio, ma anche subito dopo l’estate, potrebbe più che dimezzare l’attuale folta pattuaglia di deputati e senatori. Meglio quindi urlare ‘al voto al voto’ spingendo così il Capo dello Stato verso soluzioni tecniche o istituzionali.

Fonte: affaritaliani.it – di Alberto Maggi

del 03 maggio 2018

Annunci

About ConfrontoDemocratico

View all posts by ConfrontoDemocratico →

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.